AM_logo_NEW_orangeORIZ.png
ARGONAUTA_logo_orange1.gif

Roger Goula


OVERVIEW EFFECT (Cognitive Shift) CD-LP

Audioglobe distr.

L'Overview Effect é un cambiamento cognitivo riportato dagli astronauti durante i voli spaziali, quando osservando dall'orbita la terra comincia in loro a svilupparsi una nuova consapevolezza, quella che la terra é solo una piccola palla appesa nel vuoto, fragile e indifesa. Dall'alto i confini non esistono più, i conflitti rivestono un'importanza marginale, in gioco c'è la sopravvivenza di quel puntino e per questo l'obbiettivo di una società planetaria diventa l'imperativo immediato. Roger Goula é un giovane compositore e multistrumentista inglese con una solida formazione classica e un bagaglio di conoscenze da mettere al servizio di una musica che cerca di far tesoro del passato per tentare di espandersi nel futuro. Come per Johann Johanssohn e Max Richter, l'ambizione di Goula é quella di combinare il minimalismo e l'elettronica più avanzata con orchestrazioni neo romantiche e raffinate partiture cameristiche. Il suo disco d'esordio é quanto di più suggestivo si possa ascoltare in questo momento nella moderna musica classica europea, grazie ad un'abilità nel dosare gli elementi davvero sorprendente. L'ipnotica ripetizione acustica di Soon Will Wake Up ci porta direttamente nei territori musicali tanto cari a Gustavo Santaolalla svelandoci immediatamente la ricerca espressiva dell'autore fatta di tappeti ambientali profondi sulle quali costruire in divenire coinvolgenti linee melodiche. Così nella lenta e costante progressione d'archi di Awe come nell'oscuro violoncello che apre la successiva Looking Back To Self Awareness troviamo una grande carica descrittiva, la stessa che nel tempo abbiamo apprezzato nelle sue colonne sonore, documentari e serie Tv (Versus, Burden). Le spaziali atmosfere di Cognitive Shift e quelle della title track Overview Effect traducono perfettamente l'effetto straniante descritto in apertura, grazie a suoni dilatati, fluttuanti, in assenza di gravità. Campioni di suoni, lingue e immagini inviate nello spazio, come rievoca in qualche modo il violino di Pale Blue Dot, ricordandoci le due sonde Voyager spedite nella vastità interstellare con il Golden Records e il suo carico di segni indelebili della cultura del novecento. "Questo è un regalo di un piccolo e distante pianeta, un frammento dei nostri suoni, della nostra scienza, delle nostre immagini, della nostra musica, dei nostri pensieri e sentimenti. Stiamo cercando di sopravvivere ai nostri tempi, così da poter vivere fino ai vostri." Nelle parole di Jimmy Carter il segno di una civiltà da tramandare, nella musica di Roger Goula l'ideale colonna sonora dei nostri e dei tempi futuri.

#Musica #recensione #argonautamagazine #robertobinda #RogerGoula #ambient #elettronica #OVERVIEWEFFECT #minimalismo #classical #avanguardia #CognitiveShift #Audioglobe #spazio #voyager

POST RECENTI