AM_logo_NEW_orangeORIZ.png
ARGONAUTA_logo_orange1.gif

Naïssam Jalal & Rhythms Of Resistance


ALMOT WALA ALAMAZALA (Les Couleurs Du Son) CD

"Meglio la morte che l'umiliazione", così si potrebbe tradurre "Almot Wala Almazala", il titolo del nuovo album della flautista franco siriana Naïssam Jalal con il formidabile e cosmopolita ensemble Rhythms of Resistance. Una musica vitale, energica, creativamente eccitante nel suo equilibrio tra improvvisazione jazzistica e moderna World Music, costantemente orientata alla ricerca dialettica tra i musicisti, dove ogni strumento é libero di prendersi dei rischi prendendosi la scena. Il linguaggio é nomade, dalla combinazione di estremo e medio oriente di Hob Wa Harb alle ambientazione sahariane di Dar Beida. Gli esaltanti svolazzi progressivi di Ain Jalout dove l'intenso dialogo tra il sax di Mehdi Chaib e il flauto di Naïssam Jalal é sostenuto dalle imprevedibili ritmiche di Arnaud Dolmen come in Où est le bouton pause de mon cerveau? tra un complesso Jazz Rock disegnato dalla chitarra di Karsten Hochapfel e il passo Ethio Jazz della parte centrale. Chi invece ha amato la musica del grande Tony Scott potrà trovare conforto nelle melodie meditative di Abtal Kafrenbel e in quelle evocative di Alep per flauto Nay solo. Al filosofo comunista francese Daniel Bensaid é dedicata Lente impatience, prima che il contrabasso di Matyas Szandai ci porti a spasso sotto la pioggia (La Pluie). La dolorosa suite finale di Almot Wala Almazala é elegia strumentale, tributo ai martiri della rivoluzione siriana e invito a non abbassare la guardia mai, perchè quel grido di libertà che aveva animato le strade di Damasco quel 15 Marzo del 2011 non venga seppellito sotto le macerie di una lunga, dolorosa e infinita guerra. Quella di Naïssam Jalal non é musica che si ferma a piangere sulle disgrazie, é invece impeto, rabbia, riscatto e speranza, esempio di bellezza e militanza insieme che noi conoscemmo negli anni passati con l'esperienza straordinaria dell'International POPular Group, Area, quell'atmosfera che in qualche modo quì possiamo ritrovare in tutta la sua forza.

#Musica #recensione #argonautamagazine #robertobinda #ALMOTWALAALAMAZALA #NaïssamJalal #RhythmsOfResistance #LesCouleursDuSon #MehdiChaib #ArnaudDolmen #Siria #KarstenHochapfel #MatyasSzandai #DanielBensaid #Jazz #worldmusic

POST RECENTI