AM_logo_NEW_orangeORIZ.png
ARGONAUTA_logo_orange1.gif

Claudia Aurora


MULHER DO NORTHE (Red Orange) CD-LP

Siamo lontani dalla terra dura da addomesticare e piegare ai propri bisogni descritta da Josè Saramago nel suo capolavoro “Una terra chiamata Alentejo”, lontani anche dall’economia latifondista che ha sempre caratterizzato questo territorio che nasce nei pressi del Tago, per estendersi fino alle coste selvagge dell’oceano. Ora le sue pianure assolate, dove tutto pare immobile sono diventate il rifugio ideale di chi vuole immergersi in una cultura millenaria, assaporandone il piacere della lentezza. Dalla magia dei dolmen ai giardini e ai cortili che testimoniano dell’influenza araba fino alla grandezza del periodo barocco, qui possiamo ancora trovare un angolo d’Europa dove non essere ostaggi, ma parte del tempo che scorre. Questo è il luogo scelto anche da Claudia Aurora per dare un seguito al fortunato esordio “Silencio”, che l’aveva consacrata come una delle più importanti interpreti di Fado contemporaneo.

Sembra riferito a se stessa il titolo del nuovo album “Mulher Do Northe”, nata a Oporto nel nord del Portogallo, per poi trasferirsi a Bristol in Inghilterra, è una donna del nord che allontanandosi dalla sua terra vede ora quel luogo molto più chiaramente, come un amante o un compagno abbandonato. Questa è anche la poetica del fado, “l’amore che rimane dopo che qualcosa è andato”. Un insieme di nostalgia, struggimento e saudade di vita vissuta, tradotta perfettamente in queste dodici canzoni.

Chitarra, contrabasso, cello, bouzouki e fisarmonica al servizio di una musica che non si limita alla tradizione lusitana, inglobando invece tutto il respiro della penisola iberica, abbracciando flamenco, tango e musica gitana. L’ecclettismo espressivo è sicuramente la caratteristica più evidente della proposta di Claudia Aurora, in grado di passare con disinvoltura dalla scanzonata Mulher Do Northe alla rilettura di Poema (Fernando Dias), dal pathos di Amar alla leggerezza di un Fado Fiorido. Dai classici di Amalia Rodrigues Filha das Ervas e Havemos de ir a Viana fino alla mediterranea Promessa. Un modo nuovo e originale di rinnovare la tradizione, con rispetto e gusto, fanno di Claudia Aurora una voce importante e vitale da custodire gelosamente al fianco di Teresa Salgado, Mariza e Dulce Pontes.

#Musica #recensione #argonauta #fado #MulherDoNorthe #portugal #AmaliaRodrigues #ClaudiaAurora #RedOrange #Bristol #Alentejo

POST RECENTI