AM_logo_NEW_orangeORIZ.png
ARGONAUTA_logo_orange1.gif

Nomade Orquestra


NOMADE ORQUESTRA (Far Out) CD/LP

Distr. Family Affair

Grazie all’etichetta inglese Far Out Recordings che solo pochi mesi fa ci aveva fatto scoprire la notevole raccolta “Amplificador Novissima Musica Brasileira”, dedicata alla vivace scena Carioca underground, abbiamo finalmente il piacere di ascoltare anche in Europa il disco della Nomade Orquestra, incredibile collettivo di San Paolo e la loro pazzesca fusione di Space Jazz, Funk e Afrobeat. Una vera Big Band con una ricca sezione fiati e un gusto eccentrico, una miscela di stili suonati con grande gusto e una tecnica impressionante. Si prende subito la direzione dello spazio con il potente groove soul jazz di Samurai per proseguire con l’hammond infuocato alla Brother Jack Mc Duff di Sonhos de Toquio o il Wah Wah superfunk di Bedum.

Questo il biglietto da visita del gruppo Paulista, capace di sorprendere per i continui e serrati cambi di atmosfera, inglobando anche Latin Jazz, Dub, Turntablism all’interno delle tracce. Le sorprese più entusiasmanti arrivano quando il gruppo si avventura in atmosfere medio orientali come in Morning Birds, mix di Nubian Funk e Ethio-Jazz con tanto di Marimba alla Mulatu Astatke, oppure con la psichedelia spaziale di Venús. Si celebra la figura di Garuda, uomo uccello delle Upanishad, dove lo splendido Oud di Luciano Sallun dialoga con chitarre liquide e percussioni tribali. Gli anni 70 dei film polizieschi sono rievocati in Fuego policia per rendere il piatto sempre più ricco prima della grande Jam finale di A Vida Vem a Ondas, sintesi del mondo Nomade e dimostrazione di una rinnovata scena musicale che rappresenta insieme ai fulminanti Metá Metá e agli acidi Boogarins il presente e il futuro della nuova musica brasiliana.

#Musica #recensione #NomadeOrquestra #FarOut #Sanpaolo #Brazil #LucianoSallun #Afrobeat #latinjazz #Funk

POST RECENTI