Antoine Pierre

14/03/2016

URBEX (Igloo records) CD Distr. IRD

 

L’urban exploration, spesso abbreviato in "Urbex"  è l’esplorazione di strutture abbandonate, spesso in rovina come fabbriche dismesse, una sorta di speleologia urbana che spesso attira fotografi o filmakers alternativi. Antoine Pierre, giovane batterista di Liegi, astro nascente del panorama europeo con già un curriculum importante al fianco di Philippe Catherine e Tom Barman (Deus), cerca di portare le regole dell’urbexer nel suo approccio musicale. Creativa, fluida e ricca di colori è la sua proposta. Dal post-rock al free jazz, il suo ottetto è capace di portarci dentro una tela di Pollock o Basquiat. Materia espressionista, di grande suggestione, un’alternarsi di scenari intimisti ad altri più potenti, sorretti da tre fiati, una chitarra, basso elettrico, piano, percussioni e batteria. Urbex è un disco denso, da ascoltare e riascoltare infinite volte per poterne cogliere le molteplici sfumature nascoste in ogni traccia, l’esperienza del Jazz e quella del rock più avanzato creano una grande imprevedibilità e una costante curiosità su quello che potrebbe succedere nell’attimo a venire. Un’opera prima come raramente capita di ascoltare. Chapeau!

 

 

Please reload

Emma Frank

08/01/2019

1/3
Please reload

POST RECENTI
Please reload

ARCHIVIO
Please reload

Le novitá di
questa settimana!
  • Facebook - White Circle

©  Roberto Binda 2016 - Web design: neretto  - 

ISCRIVITI AGLI AGGIORNAMENTI